Tumori alla prostata: il vino rosso riduce il rischio

Tumori alla prostata: il vino rosso riduce il rischio

4 Ottobre 2018 0 Di miglioredieta

Gia’ noto per i suoi effetti benefici su cuore e sistema cardiovascolare, un buon bicchiere di vino rosso puo’ aiutare anche a ridurre il rischio di uno dei tumori piu’ diffusi tra gli uomini, quello della prostata. E’ quanto e’ emerso dallo studio pubblicato sull’sull’International Journal of Cancer e condotto negli Stati Uniti, nel Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle. Dalla ricerca, condotta da Janet Stanford, risulta che, indipendentemente dagli altri fattori di rischio, ogni bicchiere di vino rosso bevuto a settimana, puo’ ridurre il rischio di cancro alla prostata fino al 6%. Non e’ invece emersa nessuna chiara associazione tra il consumo complessivo di alcol e il rischio di tumore alla prostata.

Apprezzato per le sue proprieta’ protettive finora dimostrate contro le malattie cardiovascolari, il vino rosso deve il suo effetto benefico alle sostanze antiossidanti che contiene, come i flavonoidi. La ricerca e’ stata condotta su circa 1.500 uomini fra i 40 e i 64 anni, 753 dei quali avevano appena ricevuto una diagnosi di tumore alla prostata e 703 sani. L’effetto positivo del vino rosso e’ emerso dal confronto, per mezzo di questionari, di abitudini e stili di vita dei due gruppi.

Tra le ipotesi sulle cause di questo effetto protettivo, i ricercatori individuano sia l’influenza dell’alcol sull’ormone sessuale maschile, il testosterone, sia la capacita’ dei flavonoidi di alterare la crescita delle cellule tumorali. ”Questi risultati – ha concluso la ricercatrice – mettono in evidenza l’importanza di compiere nuove ricerche che abbiano come protagonisti altri cibi e bevande ricchi di polifenoli, come il vino rosso appunto